Amarcord INTER-MILAN

Finalmente torna la Serie A e sarà subito Inter-Milan, sfida dal fascino immortale.

 

Capita spesso che qualcuno mi domandi quale sia il derby INTER-MILAN più bello ed emozionante che ricordi. Ne parlavo proprio l’altro giorno con il mio amico Rio che come fotografia del suo stato aveva l’immagine di Sheva mentre sta scoccando il suo sinistro fatato nel ritorno dei quarti di finale della Champions League 2004-2005. Impossibile focalizzarne uno soltanto con tutte le gioie che i ragazzi ci hanno regalato negli anni; sarebbe come far scegliere a un goloso un unico prodotto in pasticceria. Le sfide contro i cuginastri hanno tutte un sapore particolare ma ogni vittoria suscita emozioni diverse anche in relazione a ciò che ci si sta giocando nel “disegno più ampio”. Proprio per questo nel mio cuore “tatuata” c’è l’immagine della corsa dei ragazzi sotto la Sud al triplice fischio dopo la semifinale di Champions 2002-2003. Lo so, direte voi, il “cappotto” dell’11 maggio è un orgasmo sportivo non in differente e ha il gusto impareggiabile dell’annientamento: una bomba rossonera sulla “povera” Inter, ma quella è vittoria dal valore intrinseco, fine a se stessa, all’interno di un campionato piuttosto sofferto e anonimo che vide entrambe le milanesi raggiungere (al pelo) il piazzamento Uefa. È vero che al sesto gol le mie corde vocali erano sfilacciate e la mia voce aveva ormai il timbro di Maria De Filippi ma la rivalità estrema implica un po’ di sano sadismo e schiacciare i nerazzurri in quel modo mentre osservi i tifosi che lasciano lo stadio al ventesimo della ripresa non è certo cosa da poco; tuttavia badando al “sodo” ha avuto maggior “peso” la goffa semi-rovesciata di Zapata che ci regalò il pareggio (un anno e mezzo fa) dopo sette minuti di recupero. Sette minuti.

Sette, come il numero di maglia di colui che quando aveva di fronte l’Inter si trasformava nella più letale delle “armi”: Shevchenko. L’ucraino ha, infatti, purgato i cugini meglio di un elisir concentrato di prugne secche, olio di ricino, latte caldo e digestivo Antonetto. La frequenza con la quale gonfiava la rete nei derby era in feriore solo a quella con cui Cassano cambia idea sul suo futuro. Un predestinato poi che (tenuto sciaguratamente a riposo per la coppa da mister Zaccheroni) al suo esordio nella stracittadina, dopo pochi minuti, segnò il gol del pareggio deviando fortunosamente di tibia un tiro di Gigi Sala: sono segnali!

Domani sarà il mio anniversario di matrimonio e non sarò in curva (SIC!) ma mi sovviene il ricordo del derby post-0-6, giocato sempre il 21 ottobre (del 2001), che i nerazzurri aspettavano pregustando la vendetta per l’umiliazione subita qualche mese prima. Uscii dal ristorante e accesi la radio in auto. Il Milan era sotto 1-0 (gol di Ventola). Lungo il tragitto verso casa (15 minuti circa)  i ragazzi segnarono tre gol (Sheva-Contra-Inzaghi) e la mia auto volava come la Match Patrol di Aran Banjo. Terminò 4 a 2 per il Milan e (volete saperlo?) ovviamente ho prenotato per domani lo stesso ristorante. Cena vincente non si cambia.

Precedenti recenti:

1983-84 Inter-Milan 2-0 Collovati, Muller
1984-85 Inter-Milan 2-2 Virdis (M), Rumenigge (I), Altobelli (I), Verza (M)
1985-86 Inter-Milan 1-0 minaudo
1986-87 Inter-Milan 1-2 aut. Baresi (M), Galderisi (M), Virdis (M)
1987-88 Inter-Milan 0-1 aut.Ferri (I)
1988-89 Inter-Milan 0-0
1989-90 Inter-Milan 0-3 Van Basten, Fuser, Massaro
1990-91 Inter-Milan 0-1 Van Basten
1991-92 Inter-Milan 1-1 Van Basten (M), Klinsmann (I)
1992-93 Inter-Milan 1-1 Berti (I), Gullit (M)
1993-94 Inter-Milan 1-2 Panucci (M), Papin (M), Bergkamp (I) rig.
1994-95 Inter-Milan 3-1 Seno (I), Jonk (I), Stroppa (M), aut. S.Rossi (M)
1995-96 Inter-Milan 1-1 Paganin (I), Savicevic (M)
1996-97 Inter-Milan 3-1 Djorkaeff (I) rig., Zamorano (I), Ganz (I), Baggio (M)
1997-98 Inter-Milan 2-2 Simeone (I), Weah (M), Ronaldo (I) rig., Cruz (M) rig.
1998-99 Inter-Milan 2-2 aut. N’Gotty (M), Leonardo (M), Leonardo (M), Zanetti (I)
1999-00 Inter-Milan 1-2 Ronaldo (I) rig., Shevchenko (M), Weah (M)
2000-01 Inter-Milan 0-6 Comandini, Comandini, Giunti, Shevchenko, Shevchenko, Serginho
2001-02 Inter-Milan 2-4 Ventola (I), Shevchenko (M), Contra (M), Inzaghi (M), Shevchenko (M), Kallon (I)
2002-03 Inter-Milan 0-1 Inzaghi
2003-04 Inter-Milan 1-3 Inzaghi (M), Kakà (M), Shevchenko (M), Martins (I)
2004-05 Inter-Milan 0-1 Kakà
2005-06 Inter-Milan 3-2 Adriano (I) rig., Shevchenko (M) rig., Martins (I), Stam (M), Adriano (I)
2006-07 Inter-Milan 2-1 Ronaldo (M), Cruz (I), Ibrahimovic (I)
2007-08 Inter-Milan 2-1 Pirlo (M), Cruz (I), Cambiasso (I)
2008-09 Inter-Milan 2-1 Adriano (I), Stankovic (I), Pato (M)
2009-10 Inter-Milan 2-0 Milito, Pandev
2010-11 Inter-Milan 0-1 Ibrahimovic rig.
2011-12 Inter-Milan 4-2 Milito (I), Ibrahimovic (M) rig., Ibrahimovic (M), Milito (I) rig., Milito (I) rig., Maicon (I)
2012-13 Inter-Milan 1-1 El Shaarawy (M), Schelotto (I)
2013-14 Inter-Milan 1-0 Palacio
2014-15 Inter-Milan 0-0
2015-16 Inter-Milan 1-0 Guarìn
2016-17 Inter-Milan 2-2 Cadreva (I), Icardi (I), Romagnoli (M), Zapata (M)
2017-18 Inter-Milan 3-2 Icardi (I), Suso (M), Icardi (I), Bonaventura (M), Icardi (I) rig.

Enrico Bonifazi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *