Fassone alle prese con l’Uefa mentre partono le operazioni di mercato

In attesa della sentenze Uefa, il Milan progetta comunque le mosse di mercato. Ecco l’analisi di Claudio D’Aleo.

E’ un mercato che nasce senza particolari sussulti. Dopo Reina e Strinic (entrambi hanno firmato un triennale) Mirabelli è alle prese con trattative tutt’altro che semplici. Il Milan necessita di pochi giocatori. Pochi ma buoni. Serve gente di esperienza e qualità a centrocampo e in attacco. Servono giocatori adatti alle metodologie tattiche e di gioco di Gattuso. Serve gente di personalità. Mirabelli ha puntato Depay, Fellaini e Badelj. Anche Duncan. In attacco piace molto Immobile. Lotito governa una bottega molto cara. Non sarà facile strappare il bomber bianco celeste alla Lazio.

Attaccante cercasi

Buoni attaccanti in giro non ce ne sono molti. Quelli che ci sono costano un mare di soldi. Morata pare tornato nel taccuino del Milan. Lo spagnolo non viene da una stagione memorabile al Chelsea. 11 gol in 31 presenze in Campionato. 1 gol in 7 presenze in Champions League. Un bottino senza grossi sussulti. Da uno come lui sarebbe lecito aspettarsi almeno 20 gol a stagione. Belotti è forte. Ha segnato però quanto Cutrone (10 reti) anche se è stato lungamente penalizzato da un infortunio.

Centrocampisti adatti al modulo di gioco

L’impressione è che Mirabelli porterà subito uno o due centrocampisti a Milanello e dopo si concentrerà sull’attaccante. Sul mercato del Milan pesa l’atteggiamento (per alcuni) estremamente severo dell’Uefa nei confronti di Yongong Li. Entro il 10 giugno prossimo la Proprietà dovrà provvedere al versamento nelle Casse rossonere dei milioni di euro necessari per garantire il corretto rifinanziamento del Club (circa 40 milioni di euro). iI rischio che il Milan passi nelle potenti mani del fondo Elliott è forte. Gattuso sfoglia la margherita. Il suo Milan possiede già una intelaiatura più che buona. Il modulo cui basarsi dipenderà molto dai giocatori che gli verranno affidati. Al Milan serve come il pane un sostituto di Kessiè. Fellaini non è in discussione. Se il belga verrà lo farà solo per fare il titolare.

Badelj si è appena accomiatato dalla Fiorentina. Il croato potrebbe interessare ai rossoneri perché è uno abile sia in fase di marcatura che in quella di disimpegno. inoltre possiede una esperienza tutt’altro che trascurabile. Non è un nome di quelli che scaldano le piazze ma un giocatore di sicura sostanza. In alternativa piace sempre Duncan del Sassuolo. Fellaini è certamente un buon centrocampista. Verrebbe a parametro zero ma occorrerebbe elargirgli un ingaggio da 10 milioni di euro annui. Troppi forse per un giocatore di 31 anni suonati.

Le aspettative di Gattuso

Gattuso ha chiesto giocatori funzionali alla sua idea di calcio. Un 4-3-3 che potrebbe diventare 4-4-2 a gara in corsa o addirittura trasformarsi nel più classico dei 3-5-1-2. Difesa ermetica, centrocampo bilanciato, attacco “irruento” basato sulle fasce laterali. Tanti i “cross” richiesti agli esterni ma senza un ariete alla Bierhoff ce ne faremmo meno che niente. Meglio allora sarebbe giocare palla a terra con triangolazioni stile “flipper”. Ciò che conta e dovrà contare sarà spedire la palla alle spalle dei portieri. Troppi i punti buttati via per la scarsa attitudine a far gol. Gattuso le sue ide le ha ben chiare in testa. Pochi giocatori ma buoni. L ariete la prima soluzione. Poi tutto il resto.

 

Una panchina da “scudetto”

E’ certo che Mirabelli punterà pure ad una panchina di tutto rispetto. I titolari dovranno essere forti, non c’è dubbio. Ma i panchinari non dovranno essere da meno. Depay è da tempo sul taccuino dei dirigenti milanisti. Calma e gesso. Non stiamo parlando di un rincalzo ma di un fuoriclasse di tutto rispetto. Uno che alla palla da del “tu” e sulle fasce risulta quasi imprendibile. All’occorrenza gioca di punta con buoni risultati. Il tempo e l’ Uefa ci diranno che Milan sarà. Fuori dalle Coppe non ce lo immaginiamo neppure apposta. Meditate, gente. Meditate.

Claudio D’Aleo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *