Via Donnarumma? Puntiamo su Reina e..Cragno

Cragno al Milan, un’idea che mi stuzzica. Non torneremo in questo articolo a parlare della questione Donnarumma, che ci terrà impegnati per tutta l’estate. Ma appunto vorrei parlare del portiere che mi piacerebbe fosse scelto per affiancare Reina, nell’ipotesi di partenza del ‘famigerato’ n.99.

Alessio Cragno, classe ’94, di proprietà del Cagliari.

Cragno: ecco perché lo vorrei al Milan

L’estremo difensore di Fiesole ha totalizzato 29 presenze, contribuendo alla salvezza del Cagliari. In serie aveva già giocato 14 partite, sempre con la maglia rossoblu, giocando inoltre due campionati di alto livello in serie B a Lanciano e Benevento. E’ un portiere che non ha una grande statura (1,84 metri), ma è molto dotato tecnicamente. Alfredo Magni lo ha lanciato a Brescia e siamo sicuri che tornerebbe ad allenare volentieri l’ex allievo.

La chioccia Reina

Cragno potrebbe crescere senza fretta, lavorando intensamente in allenamento, grazie alla scelta saggia della società di puntare su un esperto portiere come Reina. Non è facile per un portiere giocare con la maglia del Milan, che porta tanta pressione. Cragno ha meno esperienza di Perin, ma il portiere del Genoa è più fragile e anche più costoso. La Juventus sembra oramai aver concluso l’affare. Meret è un altro portiere italiano con qualità, ma non è facile strapparlo all’Udinese, boutique sempre molto cara.

Ovviamente in casa Milan c’è già un giovane portiere come Alessandro Plizzari. La squadra B potrebbe essere la soluzione ideale: Reina e Cragno in prima squadra, Plizzari e un portiere “over” (con meno di 50 presenze in serie A, come da regolamento per le seconde squadre) ad alternarsi come terzo portiere del Milan A e tra i pali del Milan B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *