Milan in Europa League, ma è obbligo allargare la rosa

Milan in Europa League, dopo il pari – strappato con le unghie e con i denti – di Bergamo. Domenica 20 maggio sapremo se sarà qualificazione diretta o se dovremo cimentarci nuovamente con i massacranti preliminari estivi.

Ma in entrambi i casi, la società si svegli: mai più un mercato incompleto. Per giocare su tre fronti (compresa la Coppa Italia) servono rinforzi. Grida ancora vendetta aver fatto passare gennaio senza colmare le due lacune della rosa: una mezzala che desse più possibilità di scelta e un attaccante esterno con caratteristiche diverse da Suso e Calhanoglu.

Milan in Europa League, ora sotto con il mercato

I due acquisti principali devono essere assolutamente l’attaccante esterno e la mezzala. Non devono esserci “Mah, bah, beo“, pensieri e masturbazioni cerebrali. Bisogna agire con convinzione. Suso non merita una maglia da titolare 365 giorni l’anno. Calhanoglu ora si è ambientato e non può avere più la pressione della concorrenza. Serve un attaccante esterno che dia velocità, dribbling, che si allarghi sul fondo e che punti la porta. Serve una mezzala. Non possiamo permetterci che Kessie giochi 60 partite anche il prossimo anno. E come detto per Suso, anche Bonaventura non merita una maglia da titolare 365 giorni l’anno. Locatelli ha fallito da mezzala, può rimanere come vice Biglia. Ma solo in quel ruolo.

Il nodo centravanti

Il terzo acquisto deve essere un attaccante centrale che butti qualche pallone in porta. Sappiamo che non è facile trovare il Dzeko di turno. Ma il ds Mirabelli dovrà inventarsi qualcosa. E cercare di vendere bene Bacca, Kalinic e André Silva.

In caso di cessioni, servono rinforzi di pari valore

Se il Milan dovesse cedere Suso o Bonaventura, o entrambi, dovrà sostituirli con acquisti di pari valore e nello stesso ruolo, aggiungendovi i tre giocatori di cui sopra (attaccante esterno, centravanti e mezzala). Altrimenti saremo nuovamente a rivivere i problemi di questa stagione.

Ok Reina e Strinic, ma…

In caso di preliminari di Europa League, inizieremo la stagione senza Biglia, Zapata, Rodriguez, Strinic e Kalinic, che saranno impegnati nei mondiali. Siamo sicuri di poter iniziare la stagione con Abate, Bellanova e Calabria come terzini? A centrocampo basteranno Locatelli, Montolivo e Torrasi oltre ai titolari? Basteranno tre acquisti più i parametri zero Reina e Strinic (senza cessioni di Suso e Bonaventura)?

Mirabelli, Fassone, pensateci bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *