Milan 1995-1996: il trionfo dello Scudetto con Simone-Weah cancella il suicidio di Bordeaux. Van Basten lascia il calcio.

Dopo otto anni in maglia rossonera Marco van Basten decide di ritirarsi, reduce da due stagioni di inattività a causa dei problemi legati alla caviglia destra.  Tra gli acquisti figurano invece Roberto Baggio, Pallone d’oro 1993 proveniente dalla Juventus, e George Weah, centravanti liberiano acquistato dal Paris Saint-Germain e premiato nel 1995 con il Pallone d’oro, con il FIFA World Player e come Calciatore africano dell’anno 1995 Arriva in rossonero anche il diciannovenne Patrick Vieira che troverà pochissimo spazio (solo 2 presenze) e verrà ceduto al termine della stagione.

Quest’anno compare sulle maglie, per la prima volta, cucito sul petto, sotto la stella, il logo della società: un ovale che riporta i colori sociali a sinistra e la bandiera del Comune di Milano sulla destra, con l’acronimo ACM sopra e l’anno della fondazione (1899) sotto. Vengono inoltre introdotte definitivamente (dopo l’esperimento nel torneo 1980-81) le scritte coi nomi dei giocatori, sulla schiena, sopra al numero.

In campionato il Milan inizia con 4 vittorie nelle prime 4 partite, tra cui la vittoria casalinga alla sesta giornata contro la Juventus campione in carica, e si porta subito in testa alla classifica, in solitaria dalla quarta giornata. I rossoneri manterranno la vetta solitaria della graduatoria per altri 3 turni e, dopo esseri stati appaiati in prima posizione con il Parma per 3 giornate,tornano a comandare la classifica in solitaria dall’undicesima giornata in poi. In seguito sventa un tentativo di avvicinamento da parte della Fiorentina pareggiando 2-2 l’incontro coi viola a Firenze. Il 28 aprile 1996 il Milan vince matematicamente il proprio 15º scudetto con due giornate di anticipo, grazie alla vittoria casalinga per 3-1 (reti di Savicevic, Baggio e Simone) contro la Fiorentina. I Diavoli concludono la stagione con il 7-1 alla Cremonese e con la miglior difesa del torneo, staccando di 8 lunghezze la Juventus. È il quarto scudetto in un lustro sotto la guida di Fabio Capello, il primo da quando sono stati introdotti i 3 punti per vittoria. Weah è autore di 11 reti.

In Coppa Italia i rossoneri raggiungono i quarti di finale dove vengono eliminati dal Bologna (squadra di Serie B) ai rigori dopo il doppio 1-1; decisivo per il Milan l’errore di Francesco Coco, che si fa parare il tiro dal dischetto dal’ex rossonero Francesco Antonioli.  In Coppa UEFA il Milan elimina lo Zagłębie Lubin e lo Strasburgo con 4 vittorie in altrettante partite e lo Sparta Praga (vittoria in casa e pareggio a reti inviolate a Praga). Nei quarti di finale viene eliminato dal Bordeaux di Zinédine Zidane e del futuro acquisto Christophe Dugarry, che dopo la sconfitta a Milano per 2-0 ribalta il risultato grazie al 3-0 ottenuto in Francia.
A fine stagione lasciano la squadra Roberto Donadoni, che si trasferisce a parametro zero ai New York MetroStars[ appena dopo la matematica vittoria dello scudetto, e il tecnico Fabio Capello, ingaggiato dal Real Madrid  appena dopo la matematica vittoria dello scudetto;  l’allenatore goriziano decide di lasciare il Milan per andare al Real Madrid, mettendo fine a una lunga serie di successi, fra i quali quattro titoli nazionali e una Champions League.
Nel 1996 nasce inoltre il sito web ufficiale del club rossonero: Acmilan.com

riepilogo199596

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *