Gamer over?

Game Over per l’Europa League? Molto probabilmente sì.

La nostra striscia vincente si ferma purtroppo nel momento migliore della stagione, dopo che per qualche settimana avevamo cullato l’idea di poter tornare grandi in Europa, battendo una squadra sì in crisi, ma con un grandissimo blasone.

Siamo stati sconfitti senza troppa fatica, e la nostra reazione è stata purtroppo troppo sterile e poco convinta. Fa parte del gioco. Non dimentichiamoci che siamo un cantiere in essere, e che occorre fare ancora tanto, tantissimo lavoro.

Ora la squadra deve reagire subito, e tornare a vincere già da domenica contro il Genoa (se mai il tempo lo permetterà). Un’altra sconfitta potrebbe essere dannosa e deleteria per la nostra psiche.

Il cammino intrapreso deve essere continuato. Il sogno Champions resterà tale, ma dobbiamo assolutamente giocarci le nostre carte per entrare in Europa League.

Le strade sono due: o un piazzamento dal quinto al settimo posto, oppure vincere la finale di Coppa Italia contro la Juve.

Entrambe le strade sono piuttosto tortuose: in lotta per queste tre posizioni ci sono Roma, Sampdoria, noi, Atalanta, Fiorentina, e battere la Juve è piuttosto complicato (purtroppo…), quindi occorre pedalare con umiltà e non mollare nemmeno un centimetro di campo agli avversari.
Bisogna guardare le partite una ad una, e quindi occorre essere concentrati al 100% su Genoa Milan. Il loro campo non è facile da affrontare, nonostante la loro classifica non sia delle migliori.
Gattuso probabilmente farà un mini turn over anche in vista della sfida contro l’Arsenal a Londra. Sulle fasce le alternative non sono molte date le probabili assenze di Abate ed Antonelli. In mezzo potrebbe rifiatare Biglia per far spazio a Montolivo, ed in attacco dovrebbe giocare Kalinic.

Kessiè, Bonaventura, Suso, Calhanoglu , Bonucci, Romagnoli e Donnarumma sono al momento intoccabili ed insostituibili.

Il Derby non è stato giocato a causa dell’improvvisa morte del capitano della Fiorentina Astori, e quindi ci sarà da recuperare tale partita entro la fine del Campionato. Il derby diventa a questo punto ancora più fondamentale, perché probabilmente verrà recuperato tra tre o forse più giornate di campionato, e quindi i margini di errore o di recupero saranno ancora meno.

Il Milan si muove anche per il prossimo anno.
Inizieranno a breve le trattative per Reina e Strinic (parametri zero…) ed invece gli acquisti dipenderanno dalla nostra posizione alla fine del campionato. Il gruppo di partenza è buono, e la speranza è che non ci sia una diaspora nel caso in cui gli obiettivi non venissero raggiunti.
Partirà sicuramente Donnarumma, speriamo sia il solo tra gli attuali titolari

Foto: ACMIlan

Damiano Caprioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *