Milan 1941-1942: Campionato Mediocre. Aldo Boffi capocanoniere. Prima finale di Coppa Italia

A causa delle difficoltà causate dalla seconda guerra mondiale, in questa stagione il Milano disputa le gare interne all’Arena Civica abbandonando temporaneamente San Siro. Quest’ultimo è infatti raggiungibile con difficoltà dai tifosi per via della penuria di energia elettrica, che è indispensabile per far funzionare i tram che portano i rossoneri allo stadio. La dirigenza dei rossoneri appronta un calciomercato volto a rafforzare la squadra con l’acquisto, tra gli altri, di Giovanni Rossetti, Luigi Rosellini e Angelo Bollano. Sulla panchina c’è l’avvicendamento tra Guido Ara e Mario Magnozzi, che diventa il nuovo allenatore del Milano.
Il campionato disputato dai rossoneri è mediocre: dopo un buon inizio, il Milano cala fortemente nella seconda parte della stagione (nelle ultime sette partite i rossoneri fanno tre pareggi e quattro sconfitte), classificandosi alla fine del torneo al 10º posto, non lontano dalla zona retrocessione. Causa di questo deludente risultato è il pessimo comportamento della difesa, che incassa ben 53 reti. L’unica soddisfazione è la conquista, per la terza volta, del titolo di capocannoniere della Serie A da parte di Aldo Boffi. Il comportamento del Milano in Coppa Italia è differente: i rossoneri raggiungono per la prima volta la finale della competizione, dove vengono sconfitti solo nella sfida di ritorno dalla Juventus.

riepilogo194142

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *