Amarcord LAZIO vs MILAN

Dopo la sosta per la nazionale, torna il campionato con una sfida “evergreen” tra i rossoneri e la Lazio, primo test stagionale contro una big.

 

Lazio-Milan rappresenta, nel bene e nel male, una superclassica del calcio italiano che nell’attuale campionato capita nel momento più indicato per rispondere alle domande “chi siamo?” e soprattutto “dove vogliamo/possiamo arrivare?”. Purtroppo di mezzo ci si è messa la solita sosta per la nazionale; non è un caso infatti che i “Conti” non tornino vista la catena d’infortuni senza soluzione di continuità che accomuna i componenti la rosa del Milan alle qualificazioni varie degli azzurri dal 1990 ad oggi. C’è da sottolineare però quanto poco siano parsi ossigenati neuroni e gambe degli undici scesi in campo contro il Cagliari due settimane fa, da ciò invero la necessità di una pausa. Per questo, Lazio-Milan, che da quando seguo il calcio almeno il 70% delle volte si è disputata nelle prime cinque giornate di campionato, arriva forse al momento giusto come prima grande prova di maturità di un baby-Milan ancora molto celato dietro alle badilate di milioni spesi e alla indubbia mediocrità degli avversari finora affrontati. Dell’Olimpico ho ricordi dolci e ricordi al fiele. Ero solo un bambino (era imminente il Natale del 1982) quando vidi Oscar “Flipper” Damiani segnare disinvoltamente di tacco un gol che poteva valere il primato del campionato cadetto. Una manciata di minuti più tardi, sempre seduto sulle poltroncine dell’Olimpico, scoprii però il sapore delle prime lacrime di delusione sportiva, quando Vincenzo D’Amico (proprio quel pedante che commenta in RAI le partite) segnò a tempo scaduto il gol del 2 a 2 finale. Sono cambiati da allora potenziali e ambizioni delle due squadre che arrivarono a giocarsi lo scudetto nel 1999 con un testa a testa quasi irripetibile per tensione e imprevedibilità. Il Milan vinse per un solo punto quel titolo ma riavvolgendo il nastro fino al match disputatosi a Roma otto giornate prima della fine ho in mente l’autentica ginnastica alla quale furono sottoposte le mie chiappe ad ogni corner calciato da Sinisa Mihajlovic e ad ogni tocco di palla di Vieri. Terminò con uno 0 a 0 fortunato che innescò la rimonta pazzesca di Boban, Bierhoff e compagni. Poi arrivò il capitolo Shevchenko e i suoi duelli con l’elegantissimo Nesta che per i guai economici della società (e per smettere di soccombere aggiungo io) passò al Milan divenendo il perno principale della difesa. Dicevo, l’ucraino contro la Lazio segnava come se non ci fosse un domani con la palla che sembrava voler a tutti costi entrare nel sacco. Sette (come il numero sulla sua maglia) le reti di Sheva all’Olimpico tra le quali resteranno indimenticabili le due splendide segnate su azione da calcio d’angolo (2004-2005) quando il Milan, sotto di un gol e in dieci uomini per l’espulsione di Ambrosini rimontò ed espugnò la capitale.

Con i ricordi ho sfiorato alcuni momenti importanti che Lazio e Milan hanno regalato al calcio ma ce ne sono altri, come il loro invischiamento nello scandalo scommesse anni ottanta con le camionette della Guardia di Finanza che entrarono negli stadi (ricordiamo il pasticcio Giordano-Albertosi-Chiodi), ma anche Weah che corre come un pazzo dopo aver segnato uno splendido gol in fuga solitaria o il volo d’angelo di Ambrosini per l’incornata-scudetto 2004 e tanti, tantissimi gol indimenticabili (anche l’ultima perla di Suso merita).

Oltre un secolo di calcio è racchiuso in Lazio-Milan e l’augurio è che il match di domenica renda onore alla storia delle due squadre ma soprattutto (badando ai nostri “fagioli”) si spera che arrivi un Cutrone, un Silva, un Kalinic o un pincopallo vestito di rossonero che spinga dentro la palla.

 

Precedenti recenti :
1988-89  Lazio – Milan 1-1 Van Basten (M), Sosa (L) rig.
1989-90  Lazio – Milan 1-3 Massaro (M), Fuser (M), Amarildo (L), Colombo (M)
1990-91  Lazio – Milan 1-1 Riedle (L), Evani (M)
1991-92  Lazio – Milan 1-1 Riedle (L), Van Basten (M)
1992-93  Lazio – Milan 2-2 Papin (M), aut.Winter (L), Gascoigne (L), Bergodi (L)
1993-94  Lazio – Milan 0-1 Massaro
1994-95  Lazio – Milan 4-0 Casiraghi, Signori, Signori rig., aut.Baresi (M)
1995-96  Lazio – Milan 0-1 Weah
1996-97  Lazio – Milan 3-0 Signori, Casiraghi, Grandoni
1997-98  Lazio – Milan 2-1 Mancini (L), Boksic (L), Kluivert (M)
1998-99  Lazio – Milan 0-0
1999-00  Lazio – Milan 4-4 Veron (L), Weah (M), Simeone (L), Salas (L), Shevchenko (M), Shevchenko (M) rig., Shevchenko (M), Salas (L)
2000-01  Lazio – Milan 1-1 D.Baggio (L), Shevchenko (M)
2001-02  Lazio – Milan 1-1 Stankovic (L), Shevchenko (M)
2002-03  Lazio – Milan 1-1 Maldini (M), Claudio Lopez (L)
2003-04  Lazio – Milan 0-1 Ambrosini
2004-05  Lazio – Milan 1-2 Couto (L), Shevchenko (M), Shevchenko (M)
2005-06  Lazio – Milan 0-0
2006-07  Lazio – Milan 0-0
2007-08  Lazio – Milan 1-5 Ambrosini (M), Mauri (L), Kakà (M) rig., Kakà (M), Gilardino (M), Gilardino (M)
2008-09  Lazio – Milan 0-3 Pato, Ambrosini,Kakà
2009-10  Lazio – Milan 1-2 Thiago Silva (M), Pato (M), aut.Thiago Silva (M)
2010-11  Lazio – Milan 1-1 Ibrahimovic (M), Floccari (L)
2011-12 Lazio – Milan 2-0 Hernanes, Rocchi
2012-13 Lazio – Milan 3-2 Hernanes (L), Candreva (L), Klose (L), De Jong (M), El Shaarawy (M)
2013-14 Lazio – Milan 1-1 aut. Konko (L), Gonzalez (L)
2014-15 Lazio – Milan 3-1 Ménez (M), Parolo (L), Klose (L), Parolo (L)
2015-16 Lazio – Milan 1-3 Bertolacci (M), Mexés (M), Bacca (M), Kishna (L)
2016-17 Lazio – Milan 1-1 Biglia (L) rig., Suso (M)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *