Tu chiamale se vuoi EPURAZIONI

Il mercato nel momento in cui scrivo è agli sgoccioli, ed è quindi il momento per fare il punto della situazione al netto di colpi dell’ultimissima ora.

Dal punto di vista degli acquisti tanto, tantissimo è stato fatto, ma nonostante circa 200 milioni di euro spesi la squadra non è ancora al completo: questo non tanto per incompetenza della nostra dirigenza, ma perché sono dovuti ripartire da zero facendo tabula rasa, o quasi, della passata rosa.

Rinnovo a Donnarumma, che vale quanto un acquisto. Donnarumma se ne andrà a breve dal Milan, e sicuramente non ne diventerà la colonna, ma almeno ci guadagneremo qualcosa. Donnarumma Senior… Vabbè.

Bonucci, autentico fiore all’occhiello della nostra campagna acquisti, Musacchio, Rodriguez, Conti ad impreziosire la nostra difesa. Conti e Rodriguez rappresentano un grandissimo upgrade, in quanto uniscono alla corsa ed alla tecnica anche forza e capacità di crossare (cosa che sa fare Calabria oltre a loro). Musacchio se integro può rappresentare un ottimo pilastro in una ipotetica difesa a tre con Bonucci e Romagnoli. Il capitano è stato accolto con grandissimo entusiasmo e con urla liberatorie dai tifosi. Finalmente un top player!

Calhanoglu, Kessiè, Biglia a rafforzare (e molto) il nostro centrocampo. In particolare Biglia, proprio il giocatore che ci mancava (da anni), ovvero un metronomo in grado di comandare, guidare, reggere ed abbellire il nostro centrocampo. Kessiè potrebbe rappresentare un vero crack, in quanto alla potenza aggiunge anche la capacità di giocare i palloni e di segnare. Il turco finora ha convinto poco, ma ha un grandissimo potenziale.

Andrè Silva, Kalinic e Borini per l’attacco. Borini è sicuramente l’acquisto più sottotono, ma è comunque una buona riserva, mentre Andrè Silva è potenzialmente un grandissimo top player, anche se al momento ancora non si vede se sarà una eterna promessa od una futura certezza. Kalinic è quel giocatore che conosce il campionato, solido e affidabile al fianco del quale possono crescere i giovani Cutrone ed Andrè Silva.

Per non parlare poi di Gattuso allenatore della Primavera…

Godimento puro le cessioni!
Poli, Ely, Kucka, De Sciglio, Vangioni, Mati… Con tutto il rispetto ci siamo liberati di parecchi giocatori non da Milan.
Purtroppo non tutte le trattive in uscita sono andate a buon fine: nel momento della stesura sembrano certe le permanenze di Paletta, Sosa e Gomez. Sinceramente avrei preferito che se ne andassero (magari anche con cash in ingresso), ma la loro permanenza non mi turba eccessivamente….
Il giocatore che non vorrei più vedere con la maglia del Milan è Niang: certificato medico per stress, rifiuto di una offerta di 20 milioni dallo Spartak (?!?), costante pippa… Spero che, per cessione o per tribuna, non indossi mai più la nostra maglia!

Una vera e propria epurazione, anche se non riuscita al 100%, che riporta alla luce le parole di Seedorf: bisognerebbe cambiare ¾ di rosa..
Grazie MIRAFAX!

Damiano Caprioli
Foto: ACMIlan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *