Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5: L’Usignolo le suona a Galli

Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5:  un Van Basten scatenato trascina il Milan alla quarta vittoria esterna consecutiva in un campionato che già a novembre sembra aver preso la strada per la Milano rossonera.
Domenica 8 novembre 1992
Campionato di Serie A 1992-93
Nona giornata girone di andata
Napoli, San Paolo
Napoli – Milan

Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5 prologo
Il Milan viaggia solitario in testa alla classifica, nelle prime otto giornate gli uomini guidati da Fabio Capello hanno collezionato sei vittorie ed un pareggio (la gara contro la Sampdoria è stata rinviata causa alluvione), ventidue goal realizzati e dieci subiti, proprio la gara prima della sfida contro il Napoli ha interrotto la serie di vittorie consecutive; è stato il Torino di Mondonico a bloccare i rossoneri sullo zero a zero casalingo. Il Milan si presenta dunque al San Paolo con l’obiettivo di riprendere la marcia scudetto, per contro un Napoli reduce dalla sconfitta di Bergamo contro l’Atalanta, tre a due per i nerazzurri. 
Rossoneri schierati da Capello con Antonioli in porta, solita “linea Maginot” in difesa, a centrocampo rientra Rijkaard, con Lentini, Albertini ed Eranio a completare il reparto, coppia d’attacco composta da Van Basten e Simone. Il Napoli risponde con l’ex Giovanni Galli in porta, Ferrara, Francini, Policano e Tarantino in difesa, Pari, Thern, Corradini e Mauro a centrocampo, Zola dietro l’unica punta Fonseca.

Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5 il primo tempo
Davanti ad un San Paolo delle grandi occasioni la partita inizia con il Napoli in avanti e nei primissimi minuti è la squadra che arriva più facilmente nei pressi dell’area rossonera anche se Fonseca non riesce a sfruttare i suggerimenti dei compagni. Al minuto sette c’è un calcio d’angolo per il Milan, lo batte Albertini, palla che viene respinta al limiti dell’area proprio sui piedi di Van Basten, controllo di destro e palla alla sinistra di Galli, è l’uno a zero per il Milan. Tenta di reagire subito il Napoli con Zola ma il tiro del fantasista azzurro finisce alto sopra la traversa; dall’altra parte Corradini sulla trequarti tenta di rinviare il pallone che però rimbalza sui piedi di Van Basten appostato in pressing sulla difesa partenopea, palla che finisce al limite dell’area dove Giovanni Galli tenta un goffo intervento, palla sui piedi di Marco che lestissimo infila di destro il pallone del due a zero rossonero. Il primo tempo termina così con gli uomini di Capello in vantaggio per due reti a zero. 

Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5 il secondo tempo
Nella ripresa entra Massaro per Simone e l’andamento della gara non cambia, Milan sempre all’attacco, Napoli in difficoltà; è proprio dai piedi diMassaro che parte l’azione del terzo goal rossonero. Beep Beep si invola sulla fascia sinistra, arriva quasi a fondo campo e perfetto cross rasoterra per l’accorrente Eranio che anticipa il proprio marcatore e batte imparabilmente Giovanni Galli. Siamo al quarto d’ora della ripresa e rossoneri che hanno già chiuso la pratica Napoli. Passano nove minuti ed arriva il poker rossonero; punizione fuori area per il Milan, il Napoli si distrae, Donadoni tocca velocemente per Albertini appostato in area di rigore, cross per Van Basten che di destro a porta vuota sigla laquarta rete rossonera. Mancano ancora venti minuti al termine della gara e già il pubblico napoletano inizia a sfollare, il pomeriggio dei napoletani è diventato un vero e proprio incubo. Il disastro per la retroguardia napoletana si conclude dopo pochi minuti quando Mauro all’altezza del centrocampo, defilato sulla destra tenta il rinvio ma colpisce Lentini, palla che ritorna nuovamente a Mauro che decide allora di eseguire un azzardato retropassaggio aGiovanni Galli; come un falco si avventa Van Basten che addirittura si volta in dietro per vedere se ci sono avversari e poi di destro in diagonale realizza il suo specialissimo poker e sempre più capocannoniere del torneo. A cinque minuti dalla fine calcio di punizione per il Napoli dai venti metri, destro di Zola e goal della bandiera per i partenopei, l’unico tiro pericoloso di tutta la ripresa. Negli ultimi minuti si sentono pure gli “olè” ad ogni passaggio del Milan, sintomo della forza, superiorità, supremazia dimostrata dalla squadra rossonera. La partita termina così con la vittoria del Milan per 5 a 1.

Serie A 92-93 Napoli-Milan 1-5 epilogo
Per il Milan è la vittoria numero sette in otto gare, la quinta vittoria esterna consecutiva, per Van Basten la retenumero tredici, un attacco da ventisette goal in otto gare. 
Una marcia che pone il Milan sempre più solitario in vetta alla classifica e con un distacco già ragguardevole sulle inseguitrici e soprattutto con una gara ancora da recuperare; in vista del derby della decima giornata i rossoneri si presentano con un divario sui cugini nerazzurri di tre punti ma con una gara in meno per il Milan. 
Al termine della gara tutti i riflettori sono puntati su Marco Van Basten che con la solita modestia afferma di essere orgoglioso di giocare in una grande squadra e che senza l’aiuto dei propri compagni non riuscirebbe a segnare così tanto. Ma pure senza un fuoriclasse di tale portata i rossoneri riuscirebbero ad essere così devastanti e così superiori agli avversari.

Ecco il tabellino completo:
NAPOLI – MILAN 1 – 5 
Reti: 7′ Van Basten, 27′ Van Basten, 60′ Eranio, 69′ Van Basten, 75′ Van Basten, 84′ Zola
NAPOLI: G.Galli, Ferrara, Francini, Pari (12’Crippa), Tarantino, Policano, Corradini, Thern, Mauro, Zola, Fonseca. Allenatore Claudio Ranieri.
MILAN: Antonioli, Tassotti, Maldini, Albertini, Costacurta, Baresi, Lentini, Rijkaard, Van Basten, Eranio (62’Donadoni), Simone (57′ Massaro). Allenatore Fabio Capello.

Arbitro: Pairetto di Torino

Piergiorgio Danuol

dnamilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *